Tour esclusivi Viaggidea, curati nel dettaglio, dall’itinerario agli hotel, dalle guide alla ristorazione, dai mezzi di trasporto alle visite.
Viaggi di gruppo con guide che parlano italiano, partenze garantite con minimo due persone e un massimo prefissato.

 

TAPPE BUENOS AIRES, EL CALAFATE, PENISOLA VALDES, USHUAIA, PUERTO IGUAZU, SALTA
DURATA 14 giorni / 13 notti
VOLI INTERNI 5
KM PERCORSI: 1.730
GUIDA: locale di lingua italiana
PARTENZE GARANTITE: Da Buenos Aires, garantite minimo 2 massimo 20 partecipanti
PASTI INCLUSI: tutte le prime colazioni, 1 pranzi e 4 cene
DATE PARTENZE 2020
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre 12, 19, 26
Novembre 02, 09, 16, 23, 30
Dicembre 07
HOTEL • Buenos Aires// Intercontinental
• El Calafate// Alto Calafate
• Puerto Madryn //Dazzler Hotel
• Ushuaia// Los Acebos
• Puerto Iguazu’// Falls Iguazu Hotel & Spa
• Salta// Alejandro I
1

Buenos Aires (km 20)

Arrivo e incontro con la guida. Trasferimento in hotel e camera subito a disposizione. La visita inizia dal luogo della seconda e definitiva fondazione della città nel 1581: quella che veniva chiamata la Plaza de Armas, oggi conosciuta come la Plaza de Mayo, centro storico, politico e culturale della città. Il percorso continua per il quartiere di San Telmo, uno dei più antichi della città, conserva intatto gran parte del suo patrimonio architettonico e vive anche di notte in quanto vi si trovano varie “tanguerias”, ristoranti e bar. Dirigendosi a sud si arriva nel pittoresco e colorato quartiere portuario di La Boca, con la sua famosa strada Caminito. Poi si entra nel moderno quartiere di Puerto Madero, con i suoi antichi depositi portuari trasformati oggi in uffici, abitazioni, luoghi d’intrattenimento ed eleganti ristoranti con vista sul Rio de la Plata. Dopo aver ammirato la Plaza San Martin si accede all’esclusivo quartiere della Recoleta. Il Cimitero della Recoleta sorprende il visitatore con la sua ricchezza architettonica e con la presenza di importanti personalità della vita sociale e politica argentina i cui resti qui giacciono, tra le quali si distingue Eva Peron. Accanto al cimitero si trovano la chiesa di Nuestra Seora del Pilar, l’antico convento oggi diventato il Centro Culturale Recoleta, il centro commerciale Buenos Aires Design ed il centro di esposizioni Palais de Glace. Il percorso si conclude a Palermo Chico, caratterizzato dalla sua ricca architettura francese e dai suoi affascinanti parchi. Rientro in hotel e relax. Trattamento: solo pernottamento.

2

Buenos Aires, El Calafate (Km 30)

Al mattino molto presto trasferimento in aeroporto con solo autista ed imbarco sul volo per El Calafate. Arrivo e trasferimento con la guida in hotel per lasciare i bagagli. A seguire trasferimento privato e guida parlante italiano con destinazione il Ghiacciaio del Perito Moreno, situato nel Parco Nazionale Los Glaciares a 80 km dalla città di El Calafate. Durante i primi 50 km, il tragitto si svolge attraverso la steppa patagonica. Quando si entra nel Parco Nazionale si percepisce invece un cambio drastico nella vegetazione che si arricchisce con specie tipiche del bosco andino-patagonico: specialmente faggi, lengas e ciliegi, tra i tanti. Il ghiacciaio è un impressionante fiume di ghiaccio con una superficie di 257 km quadrati, una lunghezza di trenta km ed un fronte di quattro km. L’altezza della parete frontale varia tra i 50 ed i 60 metri sul livello del lago. Nella parte centrale del ghiacciaio, il ghiaccio ha una profondità tra i 250 ed i 300 metri. Questo fiume congelato scende dal campo del ghiaccio continentale e provoca, durante il suo lento avanzare, distacchi e spaccature che fanno del ghiacciaio una meraviglia in continuo movimento. Si tratta di uno spettacolo che impressiona non soltanto per la sua bellezza visiva, ma anche per i costanti rumori che si sentono dal suo interno, che gli è valso la nomina di Patrimonio dell’Umanità. Durante l’escursione, una camminata lungo le passerelle situate di fronte al ghiacciaio, permette di ammirare questa imponente meraviglia della natura da diverse prospettive. Conclusa la visita, s’intraprende la via del ritorno a El Calafate per arrivare infine in hotel. Trattamento: prima colazione e cena.

3

El Calafate, Ice River Express Cruise, El Calafate (Km 100)

Trasferimento privato con solo autista dall’hotel fino a Punta Bandera, situata a 50 km da El Calafate, per imbarcarsi su un catamarano che navigherà lungo il braccio nord del Lago Argentino verso il Ghiacciaio Upsala, attraversando un’impressionante barriera di icebergs che si distaccano continuamente dal fronte del ghiacciaio, galleggiando sul lago profondo fino a 800 metri. Si continua la navigazione verso il Canale Spegazzini per osservare i ghiacciai Seco, Heim Sur e l’imponente Spegazzini, che si distingue per essere il più alto del Parco Nazionale, con i suoi 110 metri d’altezza sul livello dell’acqua, e per non presentare segni di arretramento. Ritorno al porto verso le ore 14 e trasferimento in hotel.
Nota: *Durante l’escursione Ice River Express è previsto il servizio di guida collettiva parlante spagnolo/inglese. La compagnia di navigazione, se necessario, si riserva il diritto di modificare l’itinerario nel modo che ritenga più opportuno in base alle condizioni del lago e metereologiche. Rientro in hotel con trasferimento privato con solo autista. Trattamento: prima colazione.

4

El Calafate, Trelew, Puerto Madryn (Km 70

In giornata trasferimento in aeroporto ed imbarco sul volo per Trelew. Arrivo e trasferimento con solo autista a Puerto Madryn. Sistemazione in hotel e pernottamento. Trattamento: prima colazione.

5

Puerto Madryn, Penisola Valdes, Puerto Madryn (Km 420)

Partenza al mattino presto da Puerto Madryn verso la Riserva Provinciale Penisola di Valdés. L’escursione, dell’intera giornata, prevede varie soste quali: Puerto Piramides e l’Estancia San Lorenzo. Tra le caratteristiche di questa azienda agricola, dove si effettuerà anche il pranzo, vi è l’opportunità di visitare la riserva di pinguini di Magellano, situata a 7 km dalla proprietà della Estancia stessa. A seguire si visita la riserva di Punta Norte, dove da Dicembre si possono osservare i leoni marini e, con un po’ di fortuna, le orche. Di ritorno a Puerto Madryn si effettua una sosta nell’Istmo Carlos Ameghino per visitare il centro di ricerca. Arrivo previsto a Puerto Madryn in tardo pomeriggio e sistemazione in hotel. Trattamento: prima colazione e pranzo.

6

Puerto Madryn, Trelew, Ushuaia (Km 80)

Al mattino trasferimento privato con solo autista a Trelew ed imbarco sul volo per Ushuaia. Arrivo e incontro con la guida. Trasferimento in hotel. Trattamento: prima colazione.

7

Ushuaia (Km 30)

Al mattino partenza dall’hotel verso il molo turistico di Ushuaia con trasferimento privato e guida parlante italiano. Giunti al porto ci si imbarca su un catamarano (*non prevista la guida parlante italiano a bordo) per dirigerci verso l’Isla de los Lobos e l’Isla de los Pajaros, seguendo le acque del Canale di Beagle. Il percorso inizia navigando per la Bahia di Ushuaia da dove si ammira una vista splendida della città circondata dalle montagne. Alla fine della baia si attraversa il Paso Chico che indica l’inizio del mitico Canale di Beagle. Si costeggia il lato nord di questo canale, passando per l’Arcipelago Bridges, fino ad arrivare all’ Isla de los Pájaros, dove si possono ammirare le diverse specie di uccelli marini che abitano questa zona, come cormorani, albatross, anitre e gabbiani, tra i tanti. Più avanti si arriva all’Isla de los Lobos, dove risiede una colonia di leoni marini. Si tratta di un’occasione unica per ammirare nello stesso momento due tipi di leoni marini, e capire le loro differenze. Si arriva infine al Faro de Les Eclaireurs. Da qui inizia il rientro verso la città. Una volta sbarcati tempo a disposizione per il pranzo. Al pomeriggio partenza in direzione ovest verso il Parco Nazionale Terra del Fuoco, l’unico nel Paese che si affaccia sul mare. Qui si effettuerà una passeggiata con diverse soste in punti panoramici da cui si potrà ammirare il Canale di Beagle. La natura rigogliosa si manifesta nel bosco andino-patagonico, formato da diverse specie di alberi lengas, ciliegi, faggi, notros, ed altri ancora- e da diversi fiori come orchidee, violette e senecioni. Un percorso tra torba e dighe di castori conduce al Rio Lapataia ed alla Laguna Verde. Da qui si continua lungo la tratta finale della Ruta Nacional N°3 che finisce nella Bahia Lapataia. Finita l’escursione si rientra in hotel. Trattamento: prima colazione.

8

Ushuaia, Buenos Aires (km 20)

Al mattino trasferimento in aeroporto con solo autista ed imbarco sul volo per Buenos Aires. All’arrivo trasferimento in hotel. Ripartenza dall’hotel nel tardo pomeriggio e passeggiata sino al locale El Querandi dov’è prevista una lezione di tango di 1 ora. Si tratta di un posto ideale affinché il visitatore possa godersi una cena eccellente ed uno spettacolo molto tradizionale. Al termine dello spettacolo, ritorno all’hotel a piedi. Il Tango è per eccellenza la musica di Buenos Aires. Le sue origini risalgono al 1880. Il suo luogo di nascita fu negli “arrabales”, abitati da immigrati italiani e spagnoli, neri e gauchos. Da questo incrocio di popolazioni nacquero i “compadritos”, che nelle loro composizioni, nelle parole e nella danza hanno rispecchiato il duello dei “cuchilleros”, caratteristico del loro ambiente sociale.
Trattamento: prima colazione e cena.

9

Buenos Aires, Puerto Iguazu, Foz do Iguacu, Puerto Iguzu (Km 50)

Al mattino trasferimento in aeroporto ed imbarco sul volo per Iguazu. Arrivo e incontro con la guida. Trasferimento in hotel e sistemazione (early check in NON incluso). Tempo a disposizione per rilassarsi. Partenza per la visita delle cascate dal lato brasiliano che si raggiungono dopo aver attraversato al frontiera tra Argentina e Brasile. Il grande valore aggiunto della visita dal lato brasiliano è dato dal miglior punto di osservazione delle cascate stesse, che si sviluppano per la maggior parte in territorio argentino. Trattamento: prima colazione e cena.

10

Puerto Iguazu (km 30)

Mattinata dedicata alla visita delle cascate dal lato argentino, con una passeggiata all’interno del parco, sino a raggiungere la Garganta del Diablo. Le cascate, formate dal fiume Iguazù, segnano il confine tra Argentina e Brasile. Con oltre 270 punti di caduta ed altezze che arrivano sino a 70 metri, offrono un impatto visivo eccezionale. L’escursione nel lato argentino prevede di utilizzare un piccolo trenino che dall’ingresso del parco porta sino alla zona più vicina delle cascate. Qui, dopo aver percorso varie passerelle sull’acqua, si giunge al punto maggiormente scenografico, la Garganta del Diablo. Rientro in hotel e cena. Trattamento: prima colazione e cena.

11

Puerto Iguazu, Salta (km 20)

Al mattino trasferimento in aeroporto ed imbarco sul volo per Salta. Arrivo e incontro con la guida. Trasferimento in hotel e camera subito a disposizione. Al pomeriggio visita della città di Salta, una delle città più pittoresche dell’Argentina. È, senz’altro, la città che ha meglio conservato la sua fisionomia coloniale, con le sue case di un piano solo, ed i suoi caratteristici balconi con le ringhiere dell’epoca coloniale, riccamente lavorate. Il suo centro nevralgico è la Plaza 9 de Julio, intorno alla quale si ergono alcuni degli edifici più importanti e caratteristici della città, i principali alberghi e numerosi bar e ristoranti. La visita permette di ammirare i gioielli più rappresentativi dei tempi coloniali: la Chiesa ed il Convento de San Francisco, la Basílica Menor, il Cabildo ed il Museo Storico del Nord che, costruito durante la fondazione della città, fu l’antica sede del governo del vicereame e, successivamente, del governo provinciale-, il Convento de San Bernardo e la Catedral Basílica. Il percorso continua per i dintorni di Salta, per arrivare infine al Cerro San Bernardo, dove si trova il Monumento al General Martín Miguel de Gemes. Dalla montagna si ottiene una vista panoramica spettacolare della città ai suoi piedi, e della Valle de Lerma in generale. La visita finisce nel Mercado Artesanal, dove si possono ammirare le varie capacità degli artigiani locali. In tutti gli angoli della provincia di Salta si lavorano oggetti caratteristici come vasellame, cesti, tessuti, tappeti e ponchos, oltre agli strumenti musicali tipici. Finito il percorso si ritorna in hotel. Trattamento: prima colazione e pernottamento.

12

Salta, Cafayate, Salta (km 380)

Partenza dall’hotel con destinazione Cafayate, una bellissima città circondata da un paesaggio paradisiaco, proprio nel cuore delle Valli Calchaquíes. Si attraversà Cerrillos e di El Carril, una cittadina tipica della Valle de Lerma, Ampascachi, Talapampa, Alemania e finalmente la Quebrada (Gola) del Fiume de las Conchas, chiamata anche Quebrada (Gola) di Cafayate sulle cui pareti rossastre di pietra calacarea l’erosione del vento e dell’acqua ha scolpito strane forme che sorprendono i viaggiatori. Queste formazioni sono state battezzate dagli abitanti locali con differenti nomi a seconda delle forme particolari che assumono: L’Anfiteatro, la Garganta del Diablo (Gola del Diavolo), l’Obelisco e i Catillos (Castelli). Cafayate, circondata da fiumi e da vigneti, vanta di uno dei paesaggi più belli e di impatto della provincia dove si possono osservare le sue bellissime case che combinano stile coloniale e barocco. Vale la pena una visita alla chiesa parrocchiale e al palazzo municipale.La regione si caratterizza per la sua produzione di vini, tra i quali spicca il “Torrentés”. Si visiterà una cantina per conoscere il processo di produzione dei tradizionali vini della regione e per avere l’opportunità di degustare uno dei migliori vini argentini. Ritorno a Salta. L’escursione è prevista su base collettiva con guida multilingue parlante spagnolo/italiano. Trattamento: prima colazione.

12

Salta, Salinas Grande, Purmamarca, Salta (Km 470)

Partenza dalla città di Salta verso il piccolo paese di San Antonio de los Cobres (4080 m.). La strada, che corre parallela alla via del Treno delle Nuvole, permette di osservare le particolarità di questa eccellente opera d’ingegneria: le sue curve a zig-zag e le rotaie, che corrono in profondità lungo la Quebrada del Toro. Si tratta di un posto che sorprende per l’azzurro brillante del cielo e per le montagne multicolori, coperte da cactus ed arbusti, nella più limpida atmosfera andina. Arrivo nella località di San Antonio de los Cobres, che si trova a 166 km dalla città di Salta, e conta una popolazione di più di tremila abitanti, il viaggio continua per l’antica Ruta N° 40 in direzione nord, con destinazione le Salinas Grandes, e poi si scende attraverso la sinuosa Cuesta de Lipàn, fino alla Valle de Purmamarca, dove si trova il piccolo paesino andino che porta lo stesso nome. La cittadina è incorniciata nello splendido paesaggio del Cerro de los Siete Colores. È un piccolo paese che sembra fermo nel tempo. È interessante visitare l’antica Iglesia Parroquial in mattoni, del 1648, dedicata a Santa Rosa de Lima, e che è stata dichiarata Monumento Storico Nazionale. La piazza principale con il suo mercato artigianale è un’altra tappa obbligata, dato che qui vi si riuniscono gli artigiani locali offrendo i loro lavori in legno, tappeti, tessuti, ed un’ampia varietà di erbe medicinali ed aromatiche. Rientro a Salta nel tardo pomeriggio. L’escursione è prevista su base collettiva con guida multilingue parlante spagnolo/italiano. Trattamento: prima colazione.

14

Salta, Buenos Aires (Km 10)

In giornata trasferimento in aeroporto con solo autista. Trattamento: prima colazione.

Intercontinental Buenos Aires
Il pernottamento è previsto presso l’hotel Intercontinental. Situato nel quartiere di Montserrat, tra Sant Elmo e Madero, si caratterizza per un’atmosfera raffinata tipica degli anni 30 del XX secolo. Nelle vicinanze si trovano numerose scuole di tango e teatri ed a breve distanza, Calle Florida, nota per le sue opportunità di shopping oltre alla celebre Plaza de Mayo, cuore storico della capitale argentina.

Buenos Aires: lezione di tango privata, cena e spettacolo
Il Tango nacque come una mescolanza di ritmi cubani, spagnoli, un po’ di polka e, come dicono alcuni, anche un po’ di musica africana. Le sue parole, difficili da comprendere e impossibili da tradurre, sono profondamente poetiche. Ognuna di loro ha qualcosa da raccontare sulla città, sulla sua storia e sulla sua gente. Nonostante le sue origini umili, negli anni venti il tango abbandonò i bordelli ed i bassifondi per entrare nei saloni delle classi alte. Nel 1920, un’antica casa coloniale si trasformò nel tradizionale bar “El Querandi” con la sua facciata Art Deco, la sua boisserie in legno scuro e le sue colonne salomoniche. Per sessant’anni fu un punto di ritrovo per scrittori, artisti e studenti. Nella decade del 1980 fu quasi demolito per un destino più promettente: oggi invece questo angolo emblematico di Buenos Aires è diventato uno di quei posti magici della città dove lo spirito del passato ritorna e si incontra con i suoi abitanti e coloro che vengono a visitarlo. Si tratta quindi del un posto ideale non solo per assistere ad uno spettacolo ma anche per sperimentarlo attraverso una lezione esclusiva che forse non vi farà apprendere il ballo ma sicuramente vi farà divertire.

Buenos Aires: La Bombonera
Il calcio, in Argentina, non è solo un sport, ma un elemento fondamentale di cultura, chi vive in Italia dovrebbe sapere di cosa stiamo parlando. Così, Viaggiadea vi apre le porte del tempio del calcio argentino, lo stadio Alberto Armando Josè, che negli anni è stato affettuosamente soprannominato la Bombonera da uno dei suoi progettisti che, nel giorno dell’inaugurazione, ha ricevuto in dono una scatola di cioccolatini – bombones appunto. E’ qui che si allenano i Boca Juniors, la squadra argentina più popolare e quella con il maggior numero di titoli internazionali di tutto il Sud America. A bordo campo, scoprirete la storia della passione calcistica argentina nel museo di due piani, il Museo de la pasiòn boquense, che contiene i trofei e le statue giganti dei miti del club, oltre a un imponente murales di Maradona. Ma questa atmosfera di celebrazione non finisce uscendo dallo stadio, perché nel pieno centro di Buenos Aires, potrete rilassarvi nelle lussuose e ipermoderne stanze del Boca Hotel – un resort totalmente dedicato al culto del pallone.

Penisola Valdes: Estancia San Lorenzo
Percorrete in punta di piedi il sentiero che vi conduce fino alla spiaggia, nella pace indisturbata di questa riserva privata: lì, tutti intorno a voi, vi aspettano i 500mila pinguini Magellano della Estancia San Lorenzo. Sono minuti, socievoli e paffuti e la Peninsula Valdes è la loro casa. Volete vedere quanto sono piccoli i loro piccoli? Raggiungete la riserva verso fine ottobre, quando iniziano a schiudersi le uova!

El Calafate: Navigazione Ice River Express
Il silenzio interrotto solo dal motore del catamarano. La brezza in faccia mentre si avanza decisi lungo il braccio nord dell’immenso Lago Argentino, nel Parco Nazionale Los Glaciares. La vostra destinazione? Il Ghiacciaio Upsala, un’imponente corona di icebergs che si staccano dal fronte del ghiacciaio e galleggiano lenti sul lago. Ma si avanza ancora, verso il Canale Spegazzini, con i ghiacciai tutt’intorno: rotta per Seco, Heim Sur e Spegazzini, il più alto e solido di tutti, verso l’apice del sublime.

Salta : Salinas Grande
Una sconfinata distesa di terra bianca e le montagne all’orizzonte: non è neve, ma il Deserto delle Saline, una superficie di sale che si estende per più di seimila chilometri e che si deve alla faglia tettonica della laguna del Mar Chiquita. Il fascino degli infiniti spazi, la gola di Humahuaca, le Colline dei sette colori, la leggendaria Cuesta del Obispo: tutt’altro che un deserto, un’esperienza senza paragoni.

Altri vantaggi esclusivi
Massimo 20 partecipanti per il comfort più esclusivo
Buenos Aires: Camera subito a disposizione all’arrivi (early check in)
Ushuaia: Navigazione lungo il Canale di Beagle con inclusa l’Isola degli Uccelli.
Penisola Valdes: Visita del Museo Paleontologico di Trelew
El Calafate: Tasse d’ingresso al Parco Nazionale de Los Glaciares incluse per entrambe le escursioni (90usd per persona).
Puerto Iguazu: Tasse d’ingresso al Parco Nazionale lato Argentino e Brasiliano incluse (88usd per persona)

FREE WIFI
Stay connected con la connessione gratuita dei tour Voyager
Connessione WI FI gratuita nelle aree comuni e nelle camere in tutti gli hotel previsti nell’itinerario e pubblicati a catalogo.

tour-argentina-iguacu
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina-iguacu
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina
tour-argentina

Tour Reviews

Ancora nessuna dedica.

Scrivi una dedica

Appena effettuato il bonifico, suggeriamo di compilare il form per la dedica indicando il proprio nome e cognome o di chi effettua il regalo, l’importo del regalo e la dedica da comunicare ai futuri sposi.

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali